- Books

Giorni giapponesi

Giorni giapponesi Frutto di cinque anni intensi di vita lavoro ed esperienze il diario giapponese di Angela Terzani Staude ci offre la straordinaria opportunit di osservare dall interno i complessi meccanismi della s

  • Title: Giorni giapponesi
  • Author: Angela Terzani Staude
  • ISBN: 9788850202324
  • Page: 294
  • Format: Mass Market Paperback
  • Frutto di cinque anni intensi di vita, lavoro ed esperienze, il diario giapponese di Angela Terzani Staude ci offre la straordinaria opportunit di osservare dall interno i complessi meccanismi della societ nipponica contemporanea, di tentare di scoprire cosa si nasconde sotto un apparenza tanto affascinante quanto impenetrabile I piccoli e grandi problemi della vita qFrutto di cinque anni intensi di vita, lavoro ed esperienze, il diario giapponese di Angela Terzani Staude ci offre la straordinaria opportunit di osservare dall interno i complessi meccanismi della societ nipponica contemporanea, di tentare di scoprire cosa si nasconde sotto un apparenza tanto affascinante quanto impenetrabile I piccoli e grandi problemi della vita quotidiana si alternano ai momenti ufficiali , i viaggi nei luoghi della natura e della storia alle frequentazioni di quelli del potere, in una sorta di avvincente vagabondaggio nello spazio e nel tempo, tra continue scoperte, incontri, visite, letture, felici intuizioni e riflessioni profonde.

    • Best Read [Angela Terzani Staude] ✓ Giorni giapponesi || [Travel Book] PDF ☆
      294 Angela Terzani Staude
    • thumbnail Title: Best Read [Angela Terzani Staude] ✓ Giorni giapponesi || [Travel Book] PDF ☆
      Posted by:Angela Terzani Staude
      Published :2018-09-27T15:58:23+00:00

    1 thought on “Giorni giapponesi

    1. Non é stato facile leggere questo libro, fondamentalmente perché io amo il Giappone, senza esserci mai stata e avendolo costruito nella mia mente, mentre Angela Terzani lo odia e quando non lo odia profondamente lo detesta cordialmente. Il suo modo di raccontarlo mi ricorda moltissimo il mio disprezzare amichevolmente i tedeschi e la Germania, ma come dice il saggio, scherzando si dicono moltissime veritá. Quello che racconta la scrittrice nei suoi diari, é comunque un Giappone di quasi 30 a [...]

    2. il Giappone visto per costrizionedecisamente un libro prevenutola difficoltà di integrarsi viene a galla in ogni passo e la mancata spinta a conoscere giustificata con antipatici atteggiamenti giudicanti, come se le persone chiuse fossero solo i giapponesi, di certo l'autrice non è affatto aperta e questo immagino contribuisca non poco alla mancata apertura dell'eventuale interlocutorenon è neanche un libro acido ma divertente come quello della Nothombè solo un lamento continuo e la velata i [...]

    3. Ottimo libro, davvero. Ero curiosa di leggere un libro scritto dalla signora, li ho visti per anni e ora finalmente ne ho letto uno. Il ritratto che dà del Giappone è molto negativo, però c'è da tenere a mente che si parla del Giappone di metà anni 80, quello della bolla che ha preceduto i "decenni perduti", cioè gli anni '90 e gli anni zero del duemila. Io, sinceramente, questo Giappone ruggente di cui parla la Staude l'ho trovato molto interessante, dato che sono cresciuta sentendo parla [...]

    4. Nella famosa trasmissione radiofonica, Fiorello aveva chiesto a Bertinotti di decantare l'inno di Forza Italia, togliendo la parola Forza dall'inno, con relativa sensazione di straniamento finale. Con questo reportage si ha la stessa sensazione. Basterebbe cambiare la parola "Giappone" con "Stati Uniti", e levare alcuni riferimenti improbabili, per rendere un'idea forzata sul Giappone (e sull'Asia in generale) a cui la gente tende facilmente a credere, in un'idea tristemente vera sugli Stati Uni [...]

    5. Un libro un po’ spocchioso che mostra come si possono trascorrere cinque anni in un paese senza fare mai uno sforzo serio e sincero per capire la cultura locale.Tre stelle perché mi ricorda i ”miei” giorni giapponesi.

    6. Mio ricordo di tiziano:erodoto108/terzani-cal"Se penso agli anni che ho passato in Giappone (1985 - 1990) assieme a mio marito Tiziano e i nostri due figli, mi vengono in mente i coniugi Webb che nel 1932 tornarono dall'Unione Sovietica con la famosa frase: «Abbiamo visto il futuro e funziona!» Ma devo metterla al negativo. Noi, in quei cinque anni vissuti a Tokyo come famiglia, non ci siamo mai tolti di dosso l'impressione che quella vita non fosse fatta per noi. Non fosse fatta neppure per i [...]

    7. Ho letto entrambi I libri della terzani, giorni cinesi e giorni giapponesi tuttavia nell'ordine cronologico diverso. Entrambi mi sono piaciuti molto. La terzani parla di questi due mondi con gli occhi di mamma e moglie. Mi è piaciuto in particolare il suo tentativo di instaurare rapporti veri con la gente del posto, soprattutto quando ha vissuto in Cina. La terzani parla molto bene della sua esperienza in Cina, nonostante la mancanza di liberta' dei cittadini, mentre ha odiato il giappone. A pe [...]

    8. Una visione estremamente critica, demolitrice, di un Giappone di fine anni 80. Infastidisce la spocchia con cui la Terzani giudica senza nessuna esitazione e senza sforzarsi di capire una società e una cultura così lontane dalla nostra. Resta comunque una lettura interessante, che si condivida o meno le opinioni espresse, per uno sguardo cinico su un pezzo (ormai sono passati 20 anni) di Giappone moderno.

    9. Il primo libro che ho letto sul Giappone (primo di una lunghissima serie), che mi fatto amare il paese del sol levante in tutte le sue sfumature e affascinanti contraddizioni.

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *